I risultati della ricerca Netcomm in tema di Digital Health & Pharma

In occasione della seconda edizione del Focus Digital Health, Netcomm ha presentato il Libro Bianco Digital Health & Pharma e il nuovo Patient Journey, frutto del lavoro, di confronto, ricerca e discussione con il gruppo di lavoro Digital Health e Pharma avviato da Netcomm nel maggio 2018, con più di quaranta aziende socie del Consorzio che rappresentano eccellenze nei diversi ambiti esperti del settore sanitario, farmaceutico e del digital.

La ricerca è parte di un percorso di lavoro che ha visto anche una ricerca con 2.100 e-shopper italiani per indagare il nuovo Customer Journey nel settore Health & Pharma, nonché un convegno che si è tenuto il 2 ottobre 2019 a Milano.

Alla ricerca di envisioning ha partecipato un campione selezionato, che lavora nel settore farmaceutico, si occupa di sanità privata, ricopre una posizione professionale nel campo dei servizi e prodotti per la sanità o opera in un’azienda di servizi e soluzioni digitali. Più del 75% del campione operante nei succitati ambiti ha un’esperienza lavorativa nel proprio settore superiore ai 10 anni.

La ricerca ha indagato i trend portati dal digitale sia nell’ambito health sia in quello pharma. Per quel che riguarda l’ambito health, lo scenario che il panel ha tratteggiato interessa solo alcuni elementi di questo articolato contesto, ma il messaggio che emerge è molto chiaro. Il digitale può dare un contributo importante alla qualità e all’efficienza dei servizi sanitari e farmaceutici.  In particolare, è emerso come prima dimensione del cambiamento la remotizzazione dell’iter diagnostico e terapeutico che si concretizzerà grazie ai nuovi servizi e device digitali.

Il panel è stato interrogato anche sui driver del cambiamento, ovvero le forze che stanno incentivando la digitalizzazione in ambito sanitario. Il cambiamento dei comportamenti di acquisto dovuto al digitale è, per importanza, il primo driver che spingerà a ridisegnare il settore e le filiere della sanità, seguito dallo sviluppo delle tecnologie. Sono quindi i cittadini che cambiano e chiedono nuove esperienze e nuovi modelli di relazione e servizio, anche nella sanità.

Sempre in ambito health è emerso che le filiere e i settori della sanità modificheranno il loro assetto a seguito dello sviluppo digitale. Per l’85% degli esperti Netcomm, il digitale favorirà maggiormente la sanità privata rispetto a quella pubblica. A cambiare saranno anche il ruolo e i servizi delle assicurazioni: il 75% del panel è abbastanza o del tutto d’accordo nell’affermare che il digitale favorirà lo sviluppo delle assicurazioni private nella sanità e per l’81% cambierà il ruolo e i servizi delle assicurazioni.

Per quel che riguarda i trend evolutivi digital pharma, il panel non ha dubbi sulla crescita futura dell’e-commerce nel pharma. La vendita online di prodotti farmaceutici e della salute sarà sempre più diffusa in Italia per quasi il 90% dei rispondenti. Molto più incerti i giudizi in merito ai benefici portati dall’e-commerce. La vendita online dei prodotti farmaceutici e della salute può generare un complessivo miglioramento per i cittadini/consumatori: il 59% è abbastanza o del tutto d’accordo, ma ben il 41% è poco o per nulla concorde.

In merito alla possibilità di vendere online farmaci con prescrizione medica, come già accade in alcuni paesi, è emerso che parte del panel, il 25%, non è per nulla d’accordo ma è prevalso un parere abbastanza o del tutto favorevole (61%).

Il cambiamento delle farmacie a livello di format e di servizi è il fenomeno più rilevante per importanza portato dal digitale. Inoltre, secondo la ricerca Netcomm, la farmacia aumenterà il suo ruolo di centro servizi e di prossimità per il paziente-cittadino grazie al digitale. Nuovi format, nuovi servizi e un nuovo ruolo delle farmacie, grazie alle nuove tecnologie, così da poter offrire un miglior servizio e una migliore customer experience al consumatore-cittadino. In terza posizione per importanza dei fenomeni di cambiamento, vi è lo sviluppo di catene farmaceutiche che potrebbero aumentare sia per numero che per dimensione delle realtà affiliate.

A suo avviso, quale importanza avranno nello scenario della distribuzione farmaceutica in Italia dei prossimi 3 anni i seguenti fenomeni legati alle tecnologie, ai servizi e ai comportamenti stimolati dal digitale? (Fonte: Netcomm 2019)

Secondo gli esperti intervistati, i nuovi comportamenti di consumo sono il primo driver di cambiamento della filiera farmaceutica e dei suoi modelli distributivi nei prossimi anni. Seguono lo sviluppo di nuove tecnologie, nuovi servizi e modelli di business. Significativo il fatto che sia emerso lo stesso ordine dalla medesima domanda nella parte di indagine legata al settore della salute. In quest’ultimo tuttavia, l’importanza data ai nuovi comportamenti risulta minore rispetto al comparto Pharma.

Infine, il 77% degli esperti del panel di rispondenti è abbastanza o molto d’accordo nell’affermare che l’e-commerce e i nuovi modelli di retail genereranno una concentrazione degli operatori del Pharma Retail.

Le opinioni subiscono una netta separazione in merito alla readiness degli imprenditori e del personale delle case farmaceutiche italiane di fronte ai cambiamenti digitali in atto. Il 50% dei rispondenti non ritiene gli imprenditori pronti al cambiamento, la restante metà ha invece una visione positiva delle potenzialità disruptive di tali soggetti.