Il "bello e ben fatto" italiano nei nuovi mercati | Confindustria Centro Studi e Prometeia